SANZIONI PER INADEMPIENZA VACCINAZIONE COVID19

28 ottobre 2022

Si allega alla presente comunicazione dell'ULSS 2 relativa ai procedimenti sanzionatori avviati dal Ministero della Salute relativi agli avvisi di avvio del procedimento sanzionatorio per inadempienza all'obbligo vaccinale.

Data di Pubblicazione

28 ottobre 2022

SANZIONI PER INADEMPIENZA VACCINAZIONE COVID19

Il Ministero della Salute ha avviato lunedì 4 aprile la consegna delle comunicazioni di avvio del procedimento sanzionatorio per inadempienza all'obbligo vaccinale, come previsto dall' articolo 4-sexies, comma 4, del D.L. n. 44/2021, convertito, con modificazioni, dalla legge 76/2021, aggiornato, a decorrere dal 16 luglio con la conversione del DL aiuti nella legge 15 luglio 2022, n. 91, articolo 51-ter.

Tali comunicazioni, verranno recapitate ai cittadini over 50 in uno dei seguenti casi:

a) soggetti che alla data del 15 giugno 2022 non abbiano iniziato il ciclo vaccinale primario;

b) soggetti che a decorrere dal 1° febbraio 2022, dopo aver ricevuto la prima dose del ciclo vaccinale primario bidose, alla data del 15 giugno 2022 non abbiano effettuato la dose di completamento del ciclo vaccinale primario neanche oltre i termini previsti con circolare del Ministero della salute;

c) soggetti che a decorrere dal 1° febbraio 2022, dopo aver concluso il ciclo vaccinale primario, alla data del 15 giugno 2022 non abbiano effettuato la dose di richiamo successiva al ciclo vaccinale primario neanche oltre i termini di validità delle certificazioni verdi  COVID-19 previsti dall'articolo 9, comma 3, del decreto-legge 22 aprile  2021, n. 52, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 giugno 2021, n. 87.

2. La sanzione di cui al comma 1 si applica anche in caso di inosservanza degli obblighi vaccinali di cui agli articoli 4, 4-bis e 4-ter.

L'Agenzia delle entrate-Riscossione, nel caso in cui l'Azienda sanitaria locale competente non confermi l'insussistenza dell'obbligo vaccinale, ovvero l'impossibilita' di adempiervi, di cui al comma 4, provvede, in deroga alle disposizioni contenute nella legge 24 novembre 1981, n. 689, e mediante la notifica, ai sensi dell'articolo 26 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, entro duecentosettanta giorni dalla relativa trasmissione, di  un avviso di addebito, con valore di titolo esecutivo. Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni dell'articolo 30 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.

Come previsto dalla norma, entro 10 giorni di tempo dal ricevimento della comunicazione, il cittadino deve:

  • presentare alla ASL competente per territorio l'eventuale certificazione relativa al differimento o all'esenzione dall'obbligo vaccinale, ovvero altra ragione di assoluta e oggettiva impossibilità; 
  • comunicare sul sito dell'Agenzia delle entrate-Riscossione l'avvenuta presentazione di tale comunicazione.

Per l'Azienda Ulss2 le indicazioni per il cittadino sono le seguenti:

L'utente che riceve notifica della sanzione ma ritiene di essere esente per l'insussistenza della stessa deve, entro 10 giorni dalla data di ricezione della sanzionepresentare al protocollo aziendale richiesta (nota scritta) di esonero dalla sanzione per insussistenza, allegando:

  1. Certificato di esenzione dalla vaccinazione o certificato di vaccinazione qualora la vaccinazione risulti regolarmente eseguita
  2.  Atto sanzionatorio ricevuto dall'Agenzia delle entrate
  3. Documento d'identità valido e Tessera Sanitaria (TEAM)

La richiesta può essere presentata:
-  Via PEC protocollo.aulss2@pecveneto.it
-  Via mail protocollo@aulss2.veneto.it
-  Allo sportello dell'Ufficio Protocollo: Via Sant' Ambrogio di Fiera, n. 37  31100 Treviso
   dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 15.30