Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy

La Chiesa San Bartolomeo

San Bartolomeo

Sulla facciata esterna della Chiesa attuale si vede ancora uno stemma scolpito in pietra, rappresentante un personaggio con l'aureola che regge con la destra un bastone con campanello. E' lo stemma abbaziale dell'Ordine dei Canonici Regolari. 
In sagrestia vi sono due vecchi quadri in tela che raffigurano la Beata Vergine, che adora il Bambino, l'uno, e le Anime del Purgatorio, l'altro.
L'Altare Maggiore è in marmo, dell'anno 1774, con grande tabernacolo in marmo e bel Crocifisso in avorio.

Ai lati due statue di marmo bianco: San Vincenzo Ferreri e San Sebastiano Martire. L'Altare di San Bartolomeo Apostolo è pure in marmo, con pala di Giovanni Spoldi di Venezia (1887) rappresentante appunto San Bartolomeo. In questo altare c'è anche la custodia delle SS. Reliquie. 

Il Battistero è in marmo rosso con piramide in legno intagliato; l'organo "Callido" in buono stato; l'altare della Beata Vergine del rosario è in marmo, con statua moderna in legno di Val Gardena. La Chiesa, a tre navate, misura 20x17,50 m e risale, forse, al secolo XVI. La facciata fu compiuta nel 1910. 

Il Lepido Rocco, in una delle sue descrizioni, dice: <<...ma ciò che sembra ammirevole e veramente pregevole è il quadro di marmo, in mosaico, sull'Altare della Madonna, rappresentante appunto la Vergine Addolorata, con espressione così dolce, con sfumature di colorito così naturali e col panneggiamento così verosimile, da crederla un lavoro di pittura, anzichè di mosaico. E' considerata pregevole anche la pala con la Deposizione dalla croce, opera di Antonio Aliense. Sono anche apprezzabili l'organo del rinomato Callido, e quattro colonne, tutte d'un pezzo, in marmo rosso e finissimo.